Alcuni Consigli per Curare i Ciclamini

La Cura del Ciclamino

Per aiutare il ciclamino a crescere è utile ricordarsi di concimarlo all'incirca ogni due settimane ed è consigliabile un fertilizzante liquido, il quale è anche particolarmente pratico da utilizzare poichè si può aggiungere all'acqua durante l'innaffiatura. Ricordiamo, inoltre, che il concime dovrebbe adeguarsi alle esigenze della pianta che in autunno ed inverno, mentre è in piena fioritura, necessita maggiormente di potassio, mentre nei mesi di riposo un maggiore apporto di azoto ne facilita la crescita in vista della successiva fioritura.

Con le sue foglie carnose di colore verde intenso ed i fiori dalle tinte tenui o vivaci a seconda dei casi, è sempre un piacere ammirare il ciclamino, anche con occhio clinico, alla ricerca di sintomi che possono rivelare qualche problema. Se, ad esempio, le foglie iniziano ad avvizzire dobbiamo immediatamente cambiare la posizione del ciclamino che sta soffrendo a causa di temperature eccessive o dell'esposizione diretta ai raggi solari, mentre le foglie che ingialliscono dovrebbero indurci a trovare un angolo con maggiore luce. E', inoltre, buona norma tagliare immediatamente dalla pianta le foglie ed i fiori appassiti recidendoli dalla base per il benessere del ciclamino.

Il ciclamino potrebbe anche subire l'attacco di parassiti lesivi di ucciderlo ed in particolare di muffe che lentamente colonizzano la pianta fino ad arrivare alle foglie, le quali iniziano a marcire e a presentare macchie brune/gialle. Quando la muffa grigia ha raggiunto le foglie è complesso salvare la pianta, ma il temibile fungo si può prevenire facendo attenzione a non esagerare con le innaffiature ed osservando di frequente lo stato di salute della pianta.

Non bisogna, tuttavia, passare da un estremo all'altro, dal momento che la mancanza d'acqua potrebbe favorire la proliferazione degli acari che attaccano le foglie del ciclamino. Fra i nemici più noti dei ciclamini troviamo i ragni rossi: per tenerli lontano è sufficiente spruzzare le foglie ed in caso di necessità nebulizzare anche un insetticida oppure cercare di scovare i piccoli ragni nascosti tra le foglie per rimuoverli.